Get Adobe Flash player

Giancarlo Golzi

| chiudi X |

Nasce a Sanremo il 10 febbraio del 1952 batterista e autore di testi, oltre che militare nelle file dei Matia Bazar, da sempre è anche uno dei componenti dei Museo Rosembach, band progressive  degli  anni ’70.  Con loro incide    svariati      LP:     Zarathustra Rareand Unreleased,     Live 72, Exit.
Negli  anni  ’80  collabora  insieme ai Matia  alla  registrazione   del   brano Inverno tratto dall’album di Miguel Bosè, Bandito nel quale era presente ai cori. La sua trentennale carriera musicale non è solo legata al mondo dei  Matia Bazar, infatti con la sua esperienza, è stato il direttore artistico della dell’Accademia di Sanremo, trampolino di lancio per i giovani artisti emergenti, che proprio qui, vengono selezionati e accedono di diritto al festival di Sanremo nella categoria nuove proposte. Nel 2000 dopo la partecipazione sanremese dei Matia Bazar con Brivido Caldo e il terzo posto dell’anno successivo con il brano, Questa Nostra Storia D’amore. Nel 2002, vince il festival di Sanremo con la canzone: Messaggio D’amore. Nel 2003 gli viene affidato il delicato compito di tradurre i testi in italiano e di curare la direzione artistica del musical Italo francese: I Dieci Comandamenti, per il quale ottiene nello stesso anno, il premio di Lamezia Terme come miglior paroliere. Il musical, reduce da un successo internazionale in Francia, Svizzera, Belgio e Canada sarà uno dei maggiori successi teatrali della stagione 2003/2004.
Collaborazioni nazionali: Museo Rosembach, Miguel Bosè, Jenny B.
Collaborazioni internazionali: Elio Chouraqui, Maurizio e Guido De Angelis